Scegli la versione del sito

Italian Home Page English Home page French Home page
Spanish Home page
Luce
luce
Vibrazioni
Vibrazioni
Riflessi indefiniti
Riflessi indefiniti
Vortice di luce
Vortice di luce
Dreams
Dreams
1967
1967
Cromie di luce
Cromie di luce
Trasperenze
Trasperenze
Infinity
Infinity
Tempesta nel mediterraneo
Tempesta nel mediterraneo
Pietra Barrasso Artista contemporanea
Pietra Barrasso Avvocatura dello Stato - Arte ContemporaneaPietra Barrasso - Arte ContemporaneaPietra Barrasso e la sua tavolozza dei colori -Arte Contemporanea


 
 
 
 
 
frequenta l’Accademia delle Belle Arti di Napoli, scegliendo il dipartimento di pittura. Segue la specializzazione in grafica pubblicitaria e fotografia. Conosce Antonio Corpora e ne diventa allieva.

E' presente nella 54a Biennale di Venezia con Vittorio Sgarbi. Su specifico invito entra nel MetaFormismo© ed è presente in molte delle rassegne dell’evento itinerante L’Arte Contemporanea nelle antiche dimore©, non mancando neppure a L’Arte e il Tempo©, official event di Expo Milano 2015, entrambi ideati e realizzati dalla Prof. Giulia Sillato.

In molti eventi le opere di Pietra Barrasso sono state associate a quelle di Warhol, Scatizzi, Sassu, Schifano, Kostabi, Lodola, Borghi, Kanewsky e la stessa Fondazione Aligi Sassu la patrocina in Brianza.

Viene insignita dell’onorificenza Personalità Europea nel 2012; consegue il Premio Internazionale d’Arte con medaglia di bronzo della Camera dei Deputati nel 2012; il Palm Art Award nel 2012; la Medaglia del Presidente del Senato della Repubblica nel 2017.

La Regione Campania le ha commissionato un certo numero di dipinti in omaggio a tutte le Presidenze delle Regioni Italiane in occasione del meeting nazionale a Palazzo Reale di Napoli.

Le opere di Pietra Barrasso fanno quindi parte del patrimonio artistico della Camera dei Deputati, di Ambasciate, Regioni, Provincie e di numerosi Comuni italiani.

Innumerevoli le mostre personali in Italia e all’estero tra cui Berlino, Boston, Cambridge, New York, Tokyo, Cina, San Pietroburgo, Pechino, Canada, Montecarlo, Nizza, Mosca, Stoccarda, Lugano, Reinach, Worchester, Springfield, Barcellona, Vienna, Avellino, Spoleto, Roma, Modena, Capri, Milano, Venezia, Lucca, Fermo, Perugia, Potenza, Arezzo, Carrara, Firenze.

Tra i numerosi e qualificati riferimenti bibliografici si citano la Trec International delle Edizioni Treccani e il Catalogo dell’Arte Moderna dell’Editoriale Giorgio Mondadori.

Hanno scritto di lei: Marcello CarlinoGiovanni FaccendaMara FerloniAlberto MirabellaGiammarco PuntelliGiuseppe SelvaggiSgarbi Vittorio, Giulia Sillato .

 

Formazione artistica  

  • 1963 

nasce a Venticano, delizioso paese in provincia di Avellino. Si sente attratta dall’arte sin da giovanissima età e nel 1977 si cimenta nella sua prima grande creazione pittorica. Nel 1980 conclude il triennio sperimentale all’Istituto Statale d’Arte “Paolo Anania De Luca” di Avellino con il diploma di Maestro d’Arte. Prosegue con il biennio di specializzazione in fotografia e grafica pubblicitaria sino alla Maturità d’Arte Applicata, conseguita con il massimo dei voti.

  • 1983

inizia a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Napoli, dove sceglie la sezione pittura, magistralmente condotta da Armando De Stefano, a sua volta allievo di Emilio Notte. In tale contesto sviluppa notevoli capacità pittoriche di tipo figurativo che saranno molto apprezzate dai docenti-guida della sua frequenza.

  • 1984

incrementa la sua formazione artistica con il restauro di pittura su tela, corso indetto dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali, Architettonici, Artistici, Storici di Salerno e Avellino e diretto da Giovanni Muollo. È un’esperienza che per la sua rilevanza sarà l’inizio di una serie di importanti committenze pubbliche e private.

  • 1992 

entra in cerchie artistiche di fama internazionale: da Pietro Annigoni a Robert Carroll, Pericle Fazzini, José Ortega, Aligi Sassu, Gregorio Sciltian, Orfeo Tamburi, Ernesto Treccani. Sono esperienze preziose che le consentono di migliorare notevolmente la sua crescita artistica. In particolare sarà Aligi Sassu che le farà da tutor grazie all’amicizia cordiale instauratasi nel loro rapporto professionale.

si trasferisce dall’Irpinia a Roma, dove i critici d’arte della capitale le suggeriscono di cambiare il nome anagrafico di Pierina nel nome d’arte Pietra.

.....continua.......

Please publish modules in offcanvas position.